fbpx

Incentivi Auto 2024: Scopri come funzionano gli Ecobonus per l’acquisto di auto elettriche

Ultimo aggiornamento: 8 luglio 2024 con le ultime notizie dall’incentivi statali auto 2024

Con l’arrivo del 2024, l’Italia si conferma determinata nel promuovere l’adozione di veicoli ecologici attraverso una serie di incentivi statali auto 2024, come dettagliato nel DPCM recentemente pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Uno dei principali strumenti a disposizione degli acquirenti è l’Ecobonus 2024, un programma che mira a favorire l’acquisto di auto a basse emissioni attraverso agevolazioni fiscali e finanziarie. Vediamo nel dettaglio come funzionano gli nuvoi ecoincentivi statali auto 2024 per le auto elettriche nel 2024 e quali sono i passaggi necessari per beneficiarne.

Come funziona gli nuovi incentivi auto elettriche 2024?

Per Ecobonus 2024, misura promossa dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy guidato dal ministro Adolfo Urso, sono disponibili risorse pari a 950 milioni di euro a cui si aggiungono 50 milioni per i veicoli della categoria L per un totale di 1 miliardo di euro.

Il contributo massimo ottenibile per l’acquisto di un veicolo elettrico nuovo, a fronte della rottamazione di un veicolo fino a Euro 2, salirà da 5 mila a 13.750 euro per chi è in possesso di un ISEE sotto 30mila euro.

Questi fondi sono suddivisi in base alle categorie ambientali dei veicoli:

  • Auto Elettriche: Per le auto con emissioni comprese tra 0-20 g/km di CO2, categoria M1, sono stati stanziati fondi significativi con l’ecobonus 2024.
  • Auto Ibride Plug-in: Per le auto con emissioni comprese tra 21-60 g/km di CO2, categoria M1, sono stati destinati fondi dedicati con l’ecobonus 2024.
  • Auto Mild Hybrid, Full Hybrid e Termiche: Per le auto con emissioni comprese tra 61-135 g/km di CO2, categoria M1, sono disponibili fondi con l’ecobonus 2024.

Il prezzo di listino compresi optional (IVA esclusa) non deve essere superiore ai 35 mila euro per le autovetture delle fasce 0-20 gr/km (elettriche) e 61-135 gr/km (termiche) e ai 45 mila euro per la fascia 21-60 g/km (ibride plug-in).

Impennata di richieste per l’ncentivo rottamazione auto 2024

Il 3 giugno 2024 ha segnato l’apertura della piattaforma per la prenotazione degli eco incentivi auto 2024. Secondo i dati del Ministero delle Imprese e del Made in Italy, al 2 luglio sono state accettate 118.015 prenotazioni, utilizzando quasi 421 milioni di euro dei fondi disponibili, pari al 61% del totale.

L’84% delle richieste è stato effettuato da persone fisiche, mentre il restante 16% da aziende. È interessante notare che il 79% delle richieste includeva l’incentivo rottamazione auto 2024, con il 44% di queste relative a veicoli con omologazione Euro 0-3. Solo il 26,7% dei richiedenti aveva un ISEE inferiore ai 30.000 euro.

Boom di richieste per la rottamazione

La rottamazione è stata un elemento chiave per il successo degli incentivi. Il 79% delle richieste includeva la rottamazione di un vecchio veicolo, principalmente tra le classi Euro 0 e Euro 3. Questo dato è significativo poiché mostra come gli italiani stiano approfittando degli incentivi per sostituire vecchi veicoli inquinanti con modelli più sostenibili.

Distribuzione delle richieste

Un dettaglio interessante è che solo il 26% delle richieste di rottamazione è provenuto da individui con un ISEE inferiore a 30.000 euro. Ciò suggerisce che l’incentivo rottamazione auto 2024 è stato utilizzato in misura maggiore da persone con un reddito più alto, sebbene gli incentivi siano disponibili per una vasta gamma di fasce di reddito.

Esaurimento dei fondi per le incentivi per le auto elettriche: successo e criticità

Gli incentivi per le auto con emissioni tra 0 e 20 g/km di CO2 hanno visto un afflusso massiccio di richieste, esaurendo i fondi disponibili in meno di nove ore dall’apertura della piattaforma. Il 39% delle richieste di incentivi per le auto elettriche includeva la rottamazione di vecchi veicoli, segno dell’interesse per la transizione verso una mobilità più ecologica.

Il 61,7% delle richieste per veicoli elettrici è stato effettuato da persone fisiche, con il 25,9% proveniente da individui con un ISEE basso. D’altra parte, il 90% delle prenotazioni da parte di aziende è stato realizzato da imprese di autonoleggio, sottolineando il crescente interesse del settore privato per la mobilità elettrica.

Nuovi contributi e novità incentivi auto 2024

Una delle principali innovazioni introdotte con l’entrata in vigore dei nuovi incentivi auto elettriche 2024 riguarda l’assegnazione dei contributi in base alla classe ambientale del veicolo da rottamare. Ora, oltre alle categorie Euro 0, 1, 2, 3 e 4, sono inclusi anche i veicoli di classe Euro 5. Questa modifica mira a promuovere la rottamazione di una gamma più ampia di veicoli, favorendo così un cambiamento graduale e sostenibile nel parco veicolare.

Modos carga coches eléctricos

Contributi installazione impianti GPL o Metano

Il provvedimento introduce un contributo all’installazione di impianti nuovi a GPL o a metano per autotrazione su autoveicoli di classe non inferiore a Euro 4: il contributo è pari a 400 euro per gli impianti a GPL e 800 euro per quelli a metano.

Nuovi incentivi auto elettriche 2024: Da quando possono essere richiesti e come ottenere l’ecobonus 2024 – ecoincentivi auto statali

Il bonus auto elettrica 2024 offre un’opportunità significativa per coloro che desiderano acquistare un veicolo nuovo con vantaggi fiscali. È importante comprendere i dettagli su come e quando richiedere questi nuovi ecoincentivi statali auto 2024, specialmente considerando l’importanza di un processo tempestivo e accurato per massimizzare i benefici. Pertanto, esaminiamo attentamente le procedure e le tempistiche necessarie per ottenere i nuovi incentivi auto elettriche 2024, sia per i passaggi specifici da seguire quando si richiede l’ecobonus 2024.

  • Periodo di validità incentivi auto elettriche: I nuovi incentivi auto elettriche 2024 saranno applicabili a tutti i contratti d’acquisto firmati nel periodo compreso tra l’1 gennaio 2024 e il 31 dicembre 2024. Questo significa che devi completare l’acquisto del tuo veicolo in questo arco temporale per poter beneficiare degli ecobonus 2024.
  • Procedura di richiesta incentivi auto 2024: La nuova piattaforma Ecobonus per il servizio di prenotazione degli incentivi per l’acquisto di veicoli a basse emissioni inquinanti sarà attiva dal 3 giugno 2024 alle ore 10.00 (ecobonus.mise.gov.it), gestita da Invitalia per conto del Mimit. Il concessionario presso il quale intendi acquistare il veicolo dovrà registrarsi e prenotare il contributo sulla piattaforma online fornita dal Ministero dello Sviluppo Economico (MISE). Una volta prenotato il contributo, il concessionario applicherà lo sconto sul prezzo d’acquisto dell’auto e confermerà l’operazione con l’immatricolazione entro 180 giorni dall’apertura della prenotazione.
  • Possibile modifica dei tempi incentivi auto elettriche: Considerando i tempi di consegna e le dinamiche delle case automobilistiche, il Governo sta valutando la possibilità di estendere il termine massimo tra l’acquisto del veicolo e la prenotazione dell’incentivo fino a 270 giorni, anziché i 180 giorni attuali. Questa modifica potrebbe fornire maggiore flessibilità agli acquirenti e ai concessionari nell’adempimento delle procedure.
  • Apertura degli ecoincentivi 2024 per le società di noleggio: Un’altra novità interessante riguarda l’apertura dei nuovi incentivi auto elettriche 2024 anche per le società di noleggio che non ne avevano usufruito l’anno precedente. Questo ampliamento potrebbe favorire un maggior coinvolgimento delle società di noleggio nel settore dell’acquisto di veicoli nuovi.

Assicurati di rispettare i tempi e i requisiti richiesti per ottenere con successo i vantaggi fiscali offerti dal programma incentivi auto elettriche 2024.

Quale macchina conviene comprare con gli nuovi incentivi auto elettriche 2024? Macchine con ecoincentivi statale

Per capire quali veicoli possono beneficiare degli nuovi incentivi auto elettriche 2024, è importante conoscere le categorie di veicoli destinate al contributo. Esse includono:

  • Automobili di categoria M1: Questa categoria comprende le autovetture progettate e costruite per il trasporto di passeggeri, con un massimo di otto posti oltre al conducente.
  • Veicoli commerciali di categoria N1 e N2: Questi veicoli sono destinati al trasporto di merci e possono variare dalla gamma leggera a quella più pesante.
  • Ciclomotori e motocicli di categoria da L1e a L7e: Questa categoria comprende ciclomotori, motocicli e quadricicli leggeri, progettati per il trasporto individuale.

È importante notare che solo i veicoli definiti nuovi di fabbrica sono idonei per ricevere gli nuovi incentivi statali auto 2024. Inoltre, l’ammissibilità al contributo dipende dalle caratteristiche di omologazione garantite dal costruttore o importatore del veicolo, che devono essere descritte nella carta di circolazione o nel Documento Unico di Circolazione (DUC). Una delle auto elettriche più affidabili sono le auto elettriche ibride; è possibile verificare tutte le informazioni sulle incentivi auto ibride 2024.

Affinché un veicolo possa beneficiare degli incentivi auto elettriche 2024, la sua prima immatricolazione deve risultare a nome dell’acquirente indicato nella prenotazione del contributo. Questo assicura che solo veicoli nuovi, conformi alle specifiche richieste, possano accedere ai vantaggi offerti dal programma di incentivazione. Se state cercando un auto elettriche piccole dimensioni, date un’occhiata alla nostra guida ai modelli più economici ed efficienti sul mercato.

Come ci si registra alla piattaforma del nuovi ecoincentivi 2024?

Se sei un concessionario e desideri registrarti alla piattaforma dell’Ecobonus 2024 per conto dei tuoi clienti, ecco cosa devi sapere:

  1. Chi può registrarsi?: Sono autorizzati solo i concessionari a registrarsi sulla piattaforma dell’Ecobonus 2024 per conto dei propri clienti. Questo significa che se sei un acquirente interessato agli ecoincentivi 2024, dovrai rivolgerti al tuo concessionario di fiducia per completare la registrazione e avviare il processo di richiesta degli nuovi incentivi.
  2. Dove ci si registra?: Puoi farlo tramite il sito web ufficiale dell’Ecobonus 2024. Basta accedere alla piattaforma e iniziare il processo di registrazione.
  3. Quali informazioni sono necessarie?: Durante la registrazione, verrà richiesto di compilare alcuni campi, tra cui la Partita IVA e il numero REA. È importante notare che questi dati devono appartenere al concessionario che sta effettuando la registrazione, non al costruttore o importatore del veicolo. Successivamente, la procedura richiederà anche i dati anagrafici della persona che sta eseguendo la registrazione.

Seguendo questi passaggi, il concessionario potrà completare la registrazione alla piattaforma dell’Ecobonus 2024 e iniziare ad assistere i suoi clienti nel processo di richiesta degli nuovi incentivi auto elettriche 2024 per l’acquisto di veicoli nuovi.

Incentivo rottamazione auto nuove 2024: chi è responsabile della rottamazione di un’auto con l’Incentivi auto elettriche 2024?

La rottamazione di un veicolo usato è un requisito per ottenere gli incentivi auto elettriche 2024, noti anche come incentivi rottamazione. Questi ecoincentivi 2024 sono destinati a incoraggiare il riciclaggio responsabile dei veicoli fuori uso. Se il concessionario non può gestire la demolizione, l’acquirente può farlo direttamente attraverso il programma di incentivi rottamazione auto 2024. Deve consegnare il veicolo a un demolitore autorizzato e trasmettere al concessionario il documento di presa in carico entro i termini specificati. È essenziale che il documento non preceda la data di acquisto del nuovo veicolo e che l’atto di acquisto indichi la destinazione alla rottamazione, garantendo così la corretta fruizione degli nuovi incentivi rottamazione auto 2024. Le procedure devono concludersi entro un certo periodo dalla consegna del nuovo veicolo, altrimenti potrebbe essere revocato il contributo statale relativo agli nuovi incentivi rottamazione auto.

Quando partono gli nuovi incentivi auto elettriche 2024?

L’avvio degli incentivi auto elettriche 2024 dipende da diversi passaggi burocratici. Dopo la firma a Palazzo Chigi, sarà necessario l’esame della Corte dei conti e la pubblicazione del decreto sulla Gazzetta Ufficiale. Inoltre, la piattaforma Invitalia-Mimit dovrà essere aggiornata per consentire le richieste. Si prevede che i nuovi ecoincentivi 2024 partiranno a maggio, con la possibilità di iniziare a prenotare il nuovi bonus auto 2024 nella prima settimana del mese.

Nuovi incentivi auto elettriche 2024

I fondi rimasti dell’ecobonus auto 2024 – Ecoincentivi statali auto 2024

Nella piattaforma del MISE puoi rimanere aggiornato sui fondi rimasti per gli nuovi incentivi auto elettriche 2024, inclusi i dettagli sui contributi fino a 2.000 euro per l’acquisto di veicoli usati di classe Euro 6 con emissioni fino a 160 g/km CO2, a fronte della rottamazione di un’auto fino ad Euro 4. Le somme variano da un massimo di 13.750€ per un’auto elettrica con rottamazione e con un ISEE sotto i 30.000€ a un minimo di 2.000€ per un veicolo usato di classe Euro 6 con rottamazione.

Nella piattaforma del MISE puoi rimanere aggiornato sui fondi rimasti per gli nuovi incentivi auto elettriche 2024.

Nuovi incentivi auto elettriche 2024: Approfitta di ulteriori agevolazioni per i veicoli elettrici!

Scopri come ottenere un aumento gratuito della potenza di ricarica per le auto elettriche nel nostro articolo Aumento Gratuito della Potenza di Ricarica per Auto Elettriche e risparmia mentre promuovi la mobilità sostenibile.

Inoltre, non perderti il Bonus Colonnine Elettriche 2024 per imprese e professionisti, un’iniziativa promossa dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) per agevolare l’acquisto e l’installazione di infrastrutture di ricarica. Scopri tutti i dettagli su chi può beneficiare, le modalità di partecipazione e altro ancora nel nostro articolo dedicato!

Gli nuovi incentivi auto elettriche 2024 offrono un’opportunità significativa per gli acquirenti di veicoli ecologici. Con un’ampia gamma di contributi disponibili per auto elettriche, ibride plug-in e altre varianti a basse emissioni, il governo sta incoraggiando attivamente la transizione verso una mobilità più sostenibile.

L’accesso semplificato attraverso la piattaforma online e le diverse opzioni di finanziamento rendono questi ecoincentivi 2024 allettanti per coloro che desiderano investire in un futuro più verde. Tuttavia, è importante essere consapevoli dei requisiti e dei termini associati per massimizzare i benefici di questi programmi.

Se volete saperne di più sul fotovoltaico, vi consigliamo la rivoluzione Agrifotovoltaica: Integrare Energia e Agricoltura in Italia.

Domande frequenti sugli incentivi auto 2024

Gli incentivi auto 2024, noti come Ecobonus, sono fondamentali per promuovere l’adozione di veicoli elettrici e a basse emissioni, offrendo significativi risparmi e benefici economici. In questa sezione, troverai risposte chiare e concise alle domande più comuni su come sfruttare al meglio questi incentivi per il tuo prossimo acquisto di auto.

Quando ci saranno i nuovi incentivi auto 2024?

I nuovi incentivi auto per il 2024 sono stati attivati il 3 giugno 2024. La piattaforma di prenotazione Ecobonus è disponibile dalle ore 10:00 per consentire alle concessionarie di prenotare i contributi statali per i veicoli acquistati.

Quali auto rientrano nel ecobonus ISEE?

Gli incentivi auto per il 2024 sono disponibili per i contribuenti con un ISEE inferiore a 30.000 euro che acquistano auto elettriche. Sono inclusi i veicoli di categoria M1 (autovetture fino a 9 posti incluso il conducente), acquistati, anche in leasing, entro il 31 dicembre 2024.

Che auto comprare nel 2024 con incentivi auto 2024?

Con gli incentivi auto 2024, è possibile acquistare veicoli nuovi che rientrano nelle fasce di emissione tra 0-20 g/km di CO2, 21-60 g/km di CO2 e 61-135 g/km di CO2. Per usufruire degli incentivi, l’auto usata da rottamare deve avere un’omologazione compresa tra Euro 0 ed Euro 4.

Quale macchina conviene comprare con gli incentivi?

Gli incentivi statali auto sono fondamentali per incentivare l’acquisto di auto elettriche, facilitando la transizione dai veicoli a motore endotermico a quelli elettrici a batteria (BEV). Questi incentivi sono particolarmente importanti in un contesto in cui i prezzi delle auto elettriche sono spesso percepiti come troppo alti dall’opinione pubblica. L’Ecobonus apre nuove opportunità di risparmio per chi desidera passare a una vettura elettrica.

  • Tesla Model Y
  • Tesla Model 3
  • Fiat 500e
  • Dacia Spring
  • Volkswagen ID.3
  • Peugeot e-208
  • Hyundai Kona Electric
  • Renault Megane e-tech

È importante notare che non tutte le auto elettriche rientrano nei parametri per ottenere gli incentivi. Ad esempio, la Skoda Enyaq, sebbene sia uno dei modelli più diffusi a livello europeo, non è inclusa in questa lista poiché il suo prezzo di listino supera i limiti imposti dalle normative italiane per l’erogazione degli incentivi.

Quindi, se stai cercando una macchina elettrica da acquistare con gli incentivi nel 2024, questi modelli offrono un buon compromesso tra costo e qualità, rendendo più accessibile la mobilità sostenibile.

Quanto costa rottamare un’auto nel 2024 con gli incentivi auto 2024?

Gli incentivi auto 2024 offrono contributi differenti in base all’omologazione dell’auto da rottamare. Ad esempio, per la rottamazione di un veicolo Euro 0, 1 o 2, il contributo può arrivare fino a 11.000 € con un ISEE entro i 30.000 €.

Come funziona l’Ecobonus 2024?

L’Ecobonus 2024 prevede un’agevolazione del 50% o del 65% per un importo massimo di 96.000 euro, da ripartire in 10 quote annuali di pari importo. Questo incentivo è destinato a chi effettua lavori di ristrutturazione su edifici residenziali.

Quando partono gli incentivi moto 2024?

Gli incentivi per l’acquisto di moto elettriche a basse emissioni sono attivi dal 3 giugno 2024. La piattaforma Ecobonus per la prenotazione dei contributi è disponibile dalle ore 10:00.

Quando conviene comprare una macchina nuova da comprare con gli incentivi auto 2024?

Il momento migliore per acquistare una macchina nuova è alla fine dell’anno, poiché le case costruttrici tendono a offrire sconti significativi per smaltire le auto invendute e fare spazio ai nuovi modelli.

Qual è la macchina più economica adesso?

Attualmente, la Dacia Sandero è l’auto più economica disponibile in Italia. Nella versione Streetway in allestimento Essential, il prezzo parte da 13.250 euro, esclusi gli incentivi.

Qual è la migliore auto ibrida qualità prezzoda comprare con gli incentivi auto 2024?

Tra le auto ibride con il miglior rapporto qualità-prezzo, la Fiat Panda Hybrid (a partire da 13.900 euro) e la Toyota Yaris Hybrid (a partire da 22.000 euro) sono tra le scelte più convenienti.

 

Qual è il migliore full hybrid da comprare con gli incentivi auto 2024?

La Toyota Yaris è considerata una delle migliori auto full hybrid disponibili sul mercato, grazie alla sua efficienza e affidabilità.

Lascia un commento